Categorie
microracconti

Accelera, marmitta

Al ventiquattresimo passaggio del ragazzino in minimoto davanti alla sua casa, Gebedia andò in cantina e prese il filo da pesca. Uscì e lo fissò teso, invisibile, tra le sbarre della sua inferriata e un palo della luce dall’altra parte della strada.