Categorie
microracconti

Playlist

Lei mi fa un cenno, mi sfilo gli auricolari.
«Che senti?».
«Niente».

Categorie
microracconti

Comunione

Il curato rubizzo alzò il bicchiere di Cerasuolo, «il sangue di Cristo», gridò e lo svuotò con un sorso. Tutto il ristorante applaudì.

Categorie
microracconti

Non è un albergo

Apro secchione, con bastone spingo buste, “che cazzo vuoi?”, mi dice uno, “vai via sto dormendo”. «È mezzogiorno» gli dico.

Categorie
microracconti

Infodump

A scuola guida dovrebbero insegnare solo due cose, come aprire il cofano e dove mettere l’acqua per i tergicristalli.

Categorie
microracconti

Pendant

È una donna di classe, si è fatta investire da una Cadillac.

Categorie
microracconti

Tossetta

Nonna diceva sempre, “Non si prende il sole nei mesi con la R”.
Infatti rimangono fuori maggio, giugno, luglio, agosto e gennaio.

Categorie
microracconti

naturale

Il cebo cappuccino atterra tra le fronde di un albero della gomma, ha in mano una banana.
È eccitato, l’odore acre della femmina è pungente.
Le offre la banana.
«Mi piace più matura» dice lei.

Categorie
microracconti

Riconosci l’amore quando lo incontri

Siamo in piazzetta, in piedi al freddo a bere birra.
Una signora con un bustone appeso al braccio viene verso di noi. Porta una parrucca – un tuppo nero alla Moira Orfei – indossa un giacchetto color melanzana trapuntato. «È arrivato Renato, che ti porta l’accendino dell’amore!» esclama, offrendo sul palmo un accendino scrauso, di quelli senza rotella. Su di esso il mezzobusto di una donna nuda.
«Ma chi è Renato?» chiedo.
«So’ io Renato!» risponde piccata.

“Convulsioni, le confessioni di un copywriter” (122 pagine), è il mio libro d’esordio. Lo potete acquistare qui al sito di Catartica Edizioni oppure su tutti gli store online tipo Amazon, Ibs e Feltrinelli.

Categorie
microracconti

8 marzo

Le ho regalato un mazzo di antistaminici per non correre rischi.

Categorie
microracconti

Lunedì grasso

Il paraurti posteriore urtò qualcosa in basso, inchiodai.
No, un cane.
Aprii lo sportello e scesi dalla macchina.
Un uomo vestito da dalmata si rotolava sull’asfalto tenendosi il ginocchio.
Meno male.