Categorie
+copywrestling +poesia libro microracconti

Come comprare Convulsioni

Categorie
+copywrestling

L’inchiostro della penna blu odora di mandorla

Categorie
+copywrestling

Le prime copie di Convulsioni sono in volo, le altre fungono da fermaporte in questo scatolone.

Qualunque sia l’uso che vorrai farne puoi acquistare la tua copia in molti modi, lascio il link al sito della casa editrice, con la quale non si pagano spese di spedizione (perdoname Bezos por mi editore loco)

https://www.catarticaedizioni.com/2021/07/convulsioni-paolo-sfirri.html

Il libro lo trovi anche su
Amazon 👉 https://amzn.to/3zAr7Y5
Ibs 👉 https://bit.ly/3mSQ2CJ

Categorie
+convinzioni altri microracconti

Dlin dlon

È l’ultima settimana per fare il preordine di “Convulsioni”, lo so, te ne eri dimenticat* ti scrivo per quello. Comunque non succede niente, dal 30 agosto sarà disponibile su tutti gli store digitali. Di seguito un altro breve estratto allo scopo di invogliarti o farti desistere
.
.
.
Il link ̬ questo Рhttps://www.catarticaedizioni.com/2021/07/convulsioni-paolo-sfirri.html?fbclid=IwAR2tc_IuOOQgMQcXbeYtVVIykJOok0fUY6rZt4eMXW8kJA-bfUFZC1fxiJg

Categorie
speed tour

Appunti sulla Foresta Umbra

Cespugli di more, ginepro e agrifoglio, progetti di leccio, ampi declivi, felci basse al limitare del sentiero, tappeti d’erba punteggiati di pietre bianche, foglie secche.
Grosse necromasse sui tronchi dei faggi morti, il ticchettio della punta di acciaio del bastone sull’asfalto, passeggiate di bufale selvatiche, voli isterici di calabroni e mosche, roverelle divelte dai fulmini, abbracci di liane rampicanti, pellicce di muschio sulle querce, stanze di luce nell’ombra proiettata dalle cime, un’ombra compatta anche in pieno pomeriggio, fresca.

Categorie
+copywrestling
Categorie
+copywrestling

Ex post #1

“Convulsioni” contiene robe tipo questa.
Anche migliori, o peggiori, dipende dall’orientamento.

Il preordine si può fare qua 👉 https://www.catarticaedizioni.com/2021/07/convulsioni-paolo-sfirri.html

Categorie
+copywrestling

Rianimazione

Estraggo le chiavi dal marsupio, mi dirigo verso l’ingresso della palazzina. Sto per penetrare la serratura quando noto una discontinuità in basso sulla soglia di marmo rosso. Una grossa ape pelosa. Sta inerte, appena raggomitolata su se stessa. Mi volto verso la cassetta della pubblicità e prendo un volantino del supermercato, con un angolo sfioro le zampe dell’ape, poi il torso. Nulla. Che amarezza. Prendo un secondo volantino col quale accompagnare il cadavere sul primo volantino. Intendo traghettare la bestiola a sepoltura nell’aiuola di fronte, nel terriccio umido all’ombra delle palme. Eppure quando mi accingo sento un ronzio, breve ma intenso. Una zampa posteriore scatta e si distende, poi un’altra fa lo stesso. Quindi pungolo di nuovo l’ape su un fianco, tentando di girarla e porla in posizione eretta, cioè sulle zampe, come siamo abituati a vedere un insetto insomma. Lei si agita molto, ronza forte, si dimena, rotola, le zampe scalciano e si sfregano in modo frenetico. Allontano l’angolo del volantino. L’ape emette un ultimo ronzio forte e si alza in volo, lenta e stordita, in alto verso i balconi con i gerani.

Ho letto di altri casi di morte apparente nelle api, qualcuno ne sa qualcosa?



Categorie
+copywrestling

La copertina del mio libro

Questo artwork pazzesco realizzato da @onofrio.bastiani è la copertina di Convulsioni, le confessioni di un copywriter, un libro scritto da me.

È partito il preordine, che oltre a essere una botta di autostima dritta al cuore, è un ottimo modo per aiutare la piccola editoria indipendente di qualità di Catartica Edizioni.

Potete effettuare l’ordine a questo link

https://www.catarticaedizioni.com/2021/07/convulsioni-paolo-sfirri.html?fbclid=IwAR1mxthN766qpnvftL68T-ppg3_K58MJi8n9OfaLhAFSppH-C–zauULcy0

in omaggio riceverete un segnalibro con una foto di me nudo in un campo di papaveri.

Categorie
+copywrestling

Bibbia personaggio: Hubert

In pochi lo conoscono come Dario Severini. Appare come un uomo di mezza età, senza alcuna inflessione dialettale. È sposato con Veronika, donna di nazionalità ceca di venti anni più giovane di lui, assieme hanno un figlio di cinque anni e un cane di razza labrador; vivono in una villetta a Formello. Una famiglia tutto sommato normale, alto borghese. Non frequentano amici, né di lui, né di lei. La posizione e il ruolo segreto di Hubert impediscono di avere dei normali rapporti, perché Hubert è il burattinaio. Ogni mattina alle 6:30 una BMW dai vetri oscurati attende Hubert di fronte al cancello della proprietà. La vettura si ferma invariabilmente a via dei Fori Imperiali, ogni mattina in un punto diverso, dal quale Hubert raggiunge il luogo in cui trascorre la maggior parte delle sue giornate. Da lì tesse le sinapsi tra il cervello del Potere e le sue articolazioni.
Dario cresce nella periferia sud-est di Roma, in una famiglia di ceto medio, è uno studente modello, con diverse doti in campo artistico che coltiva con meticolosa dedizione. Si laurea in Giurisprudenza col massimo dei voti presso la facoltà di Roma, il suo sogno è diventare un magistrato. Al termine della carriera universitaria entra subito a lavorare per uno dei più importanti istituti bancari nazionali, all’interno del quale fa carriera grazie alla sua determinazione, disponibilità e competenza. È un lavoratore meticoloso che ottiene risultati dimostrabili durante il suo percorso nell’azienda; scala livelli fino ad accedere al ramo dirigenziale e stringe rapporti confidenziali con i correntisti più importanti del gruppo. Durante una vacanza in Costa Smeralda riceve la visita di due agenti dei servizi segreti che gli propongono di cambiare vita. Gli offrono l’accesso alla stanza dei bottoni, a una posizione sopra il bene e il male dalla quale issare gli argini che guidano il corso della Storia. La parabola di Hubert è un percorso di crescita e conversione all’oscurità, senza apparente disumanità. Hubert non è cattivo, non è buono: è un osservatore senza morale. Ama la musica, la grappa e i sigari, in generale tutto ciò che è autentico e pregiato.

PAROLE CHIAVE Concentrato, imperturbabile, solido, attento, loquace, manipolatore, calcolatore, cinico, determinato, distinto, sicuro.

SU DI LUI
Ama la musica, la grappa e i sigari, in generale tutto ciò che è autentico e pregiato. Segue il calcio, simpatizza per la Lazio, pratica tennis presso il circolo canottieri Aniene, il suo cane si chiama Bach in omaggio al compositore. Non ha mai impugnato una pistola, non possiede armi. È appassionato di storia e geografia, motivo per cui possiede una collezione di mappe dal mondo – con diversi pezzi rari d’epoca – della quale è molto geloso. Possiede uno smartphone abilitato solo per chiamate uscenti, benché preferisca comunicare in modo scritto oppure a voce. Gli piace parlare per metafore.

SE HUBERT PARLASSE
«Questo vino è da sgrazzare. Dovresti avvalerti di un esperto se vuoi prendere il marchio. Posso presentarti qualcuno.»